Home

   

     Agente Rovagnati

   

Maurizio Pistis

 

 

 

  1.   ULTIMO MESSAGGIO

Medjugorje messaggio del 2 settembre 2016 a Mirjana

 

"Cari figli, secondo la volontà di mio Figlio ed il mio materno amore vengo a voi, miei figli, ed in particolare per coloro che ancora non hanno conosciuto l’amore di mio Figlio. Vengo a voi che pensate a me, che mi invocate. A voi do il mio materno amore e porto la benedizione di mio Figlio. Avete cuori puri e aperti? Vedete i doni, i segni della mia presenza e del mio amore? Figli miei, nella vostra vita terrena ispiratevi al mio esempio. La mia vita è stata dolore, silenzio ed un’immensa fede e fiducia nel Padre Celeste. Nulla è casuale: né il dolore, né la gioia, né la sofferenza, né l’amore. Sono tutte grazie che mio Figlio vi dona e che vi conducono alla vita eterna. Mio Figlio vi chiede l’amore e la preghiera in lui. Amare e pregare in lui vuol dire – come Madre voglio insegnarvelo – pregare nel silenzio della propria anima, e non soltanto pregare con le labbra. Lo è anche il più piccolo bel gesto compiuto nel nome di mio Figlio; lo è la pazienza, la misericordia, l’accettazione del dolore ed il sacrificio fatto per gli altri. Figli miei, mio Figlio vi guarda. Pregate per vedere anche voi il suo volto, ed affinché esso possa esservi rivelato. Figli miei, io vi rivelo l’unica ed autentica verità. Pregate per comprenderla e poter diffondere amore e speranza, per poter essere apostoli del mio amore. Il mio Cuore materno ama in modo particolare i pastori. Pregate per le loro mani benedette. Vi ringrazio!"

Međugorje Messaggio a Marija 25. dicembre 2014

"Cari figli! Anche oggi vi porto tra le braccia mio Figlio Gesù e cerco da Lui la pace per voi e la pace tra di voi. Pregate e adorate mio Figlio perché nei vostri cuori entri la sua pace e la sua gioia. Prego per voi perché siate sempre più aperti alla preghiera.
Grazie per aver risposto alla mia chiamata.”

Medjugorje Messaggio dato a Jakov 25 dicembre 2014:

Cari figli, oggi in questo giorno di grazia vorrei che i vostri cuori diventino come la grotta di Betlemme, nella quale è nato il Salvatore del mondo. Io sono la vostra Madre, che vi ama con amore immenso e si preoccupa per voi, perció figli miei abbandonatevi alla Madre così che posso presentare i vostri cuori e la vostra vita davanti al piccolo Gesù, perchè solo così figli miei i vostri cuori saranno la testimonianza di Dio in voi. Permettete a Dio di illuminare la vostra vita con la luce e i vostri cuori con la gioia per poter illuminare ogni giorno la via, e di essere esempio di vera gioia per gli altri, per coloro che vivono nel buio e non sono aperti a Dio e alle sue grazie. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.

ULTIMO MESSAGGIO DI MEDJUGORJE


Messaggio del 2 Dicembre 2014 a Miriana Medugorje


"Cari figli, tenetelo a mente, perché vi dico: l’amore trionferà! So che molti di voi stanno perdendo la speranza perché vedono attorno a sé sofferenza, dolore, gelosia e invidia ma io sono vostra Madre. Sono nel Regno, ma anche qui con voi. Mio Figlio mi manda nuovamente affinché vi aiuti, perciò non perdete la speranza ma seguitemi, perché il trionfo del mio Cuore è nel nome di Dio. Il mio amato Figlio pensa a voi, come ha sempre fatto: credetegli e vivetelo! Egli è la vita del mondo. Figli miei, vivere mio Figlio vuol dire vivere il Vangelo. Non è facile. Comporta amore, perdono e sacrificio. Questo vi purifica e apre il Regno. Una preghiera sincera, che non è solo parola ma preghiera pronunciata dal cuore, vi aiuterà. Così pure il digiuno, poiché esso comporta ulteriore amore, perdono e sacrificio. Perciò non perdete la speranza, ma seguitemi. Vi chiedo nuovamente di pregare per i vostri pastori, affinché guardino sempre a mio Figlio, che è stato il primo Pastore del mondo e la cui famiglia era il mondo intero. Vi ringrazio."

Messaggio del 2 gennaio 2014 a Mirjana Dragicevic Medjugorje

  “Cari figli, per poter essere miei apostoli e per poter aiutare tutti coloro che sono nella tenebra a conoscere la luce dell’amore di mio Figlio, dovete avere cuori puri ed umili. Non potete essere d’aiuto affinché mio Figlio nasca e regni nei cuori di coloro che non lo conoscono, se Egli non regna, se non è il Re nel vostro cuore. Io sono con voi, cammino con voi come Madre, busso ai vostri cuori: non possono aprirsi, perché non sono umili. Io prego - ma pregate anche voi, figli miei amati, - affinché possiate aprire a mio Figlio cuori puri ed umili e ricevere i doni che vi ha promesso. Allora sarete guidati dall’amore e dalla forza di mio Figlio. Allora sarete miei apostoli, che diffonderanno ovunque attorno a loro i frutti dell’amore di Dio. A partire da voi e attraverso di voi agirà mio Figlio, perché sarete una cosa sola. A questo anela il mio Cuore materno: all’unità di tutti i miei figli per mezzo di mio Figlio. Con grande amore benedico e prego per gli eletti di mio Figlio: per i vostri pastori. Vi ringrazio”.

Messaggio, 25. dicembre 2013 Marija Pavlović-Lunetti 
 

"Cari figli! Vi porto il Re della pace perché Lui vi dia la Sua pace. Voi, figlioli, pregate, pregate, pregate. Il frutto della preghiera si vedrà sui volti delle persone che si sono decise per Dio e per il Suo Regno. Io con il mio figlio Gesù vi benedico tutti con la benedizione della pace. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.”

Beati voi! Quando vi insulteranno e vi perseguiteranno e...
mentendo, diranno contro di voi ogni sorta di male a causa mia, rallegratevi ed esultate, poiché grande è la vostra ricompensa nei cieli. Così, del resto,perseguitarono i profeti che furono prima di voi.

 

Beati sono tutti coloro che annunciano la parola di Dio, i cristiani di ogni tempo che non hanno paura di riconoscere in Gesù il figlio di Dio.
Beati sono tutti quelli che con coraggio si alleano dalla parte di Gesù, che non lo tradiscono quando il mondo punta il dito su di loro.

 

Pietro ha avuto paura ed ha tradito Gesù, per tre volte l’ha rinnegato, ma non per questo il Signore l’ha “diseredato” da figlio. Egli ha manifestato la sua debolezza, la stessa che abbiamo noi quando ci vergognamo di dire che siamo figli di Dio, che siamo fratelli di Gesù e che la nostra vita ha un senso solo se vissuta nel suo nome.

Beato quindi sei tu quando sarai insultato, deriso, perseguitato a causa della Parola, a causa di Gesù, perchè la tua ricompensa sarà grande nel regno dei cieli…

 

 

 

"Prega anche tu 1000 AVE MARIA per le Sue intenzioni" 

 

La Madonna prega per la pace e vuole che anche noi preghiamo per la pace insieme a lei.

Specie in alcuni momenti, ci raccomanda anche di pregare per le sue intenzioni particolari. Ma in modo particolare la Madonna chiede di pregare per un suo piano che si deve realizzare attraverso Medjugorje.

Invochiamo Lo Spirito Santo

 

 Vieni, Santo Spirito manda a noi dal cielo un raggio della tua luce. Vieni, padre dei poveri, vieni, datore dei doni, vieni, luce dei cuori. Consolatore perfetto; ospite dolce dell'anima, dolcissimo sollievo. Nella fatica, riposo, nella calura riparo, nel pianto conforto. O luce beatissima, invadi nell'intimo il cuore dei tuoi fedeli. Senza la tua forza nulla è nell'uomo, nulla senza colpa. Lava ciò che è sordido, bagna ciò che è arido, sana ciò che sanguina. Piega ciò che è rigido, scalda ciò che è gelido, drizza ciò che è sviato. Dona ai tuoi fedeli che solo in te confidano i tuoi santi doni. Dona virtù e premio, dona morte santa, dona gioia eterna. Amen.

 

Prima di ogni cosa, dovremmo domandarci chi è lo Spirito Santo.

 

Lo scopo per cui viene trattato l’argomento, è perché esiste una grande confusione intorno alla persona dello Spirito Santo. Alcuni lo definiscono “la forza attiva di Dio” o il “mezzo” (lo strumento) con cui Dio ha creato ogni cosa. Altri lo definiscono “l’alito di Dio” (il Ruah) con cui ha dato la vita ad Adamo. Anche se tutte queste affermazioni sono vere, lo Spirito Santo è ben altra cosa.
Se ci basiamo soltanto su alcuni versi della Bibbia, come ad esempio Atti 1:8 (voi riceverete potenza quando lo Spirito Santo verrà su di voi), potremmo essere spinti a definirlo solo una potenza, un generatore di energia, una benedizione che Egli accorda al Suo popolo. Possiamo, invece, facilmente dimostrare che Egli è molto più di una potenza o forza attiva capace di svolgere un lavoro divino. La Bibbia afferma chiaramente che lo Spirito Santo ha una personalità. Egli è quel “Consolatore” che guidò la Chiesa primitiva e che può guidare ancora la Chiesa odierna.
Sappiamo che esiste una personalità quando si trovano insieme intelligenza, emozione, volontà, auto coscienza e auto determinazione; ebbene lo Spirito Santo possiede questi attributi e queste qualità.
Forse ci sarà difficile circoscrivere la personalità allo Spirito Santo, solo perché siamo limitati a misurare col metro umano e carnale; perché lo spirito (Pneuma) è indefinito in quanto – come l’aria – non può essere identificato, ma lo Spirito Santo non è un uomo deificato. Il termine persona deve essere usato piuttosto nel senso qualificativo che in riferimento ad un organismo separato, come si fa per l’uomo.
Lo Spirito Santo ha una personalità, perché agisce come una persona
Benché non possiamo vederlo con gli occhi, lo Spirito Santo è reale come noi. Alcune azioni attribuiteGli, che rivelano ciò che Egli fa, non possono essere atti di una semplice potenza o di cosa inanimata, impersonale o solo di vita animale.
La Bibbia fornisce chiare prove che lo Spirito Santo è una persona e non una forza mistica, né uno strano potere.
Prima di ogni cosa, i pronomi personali usati in congiunzione del Suo nome dimostrano chiaramente che Egli è una persona (Gv.15:26; 16:7; 16:13,14), e lo dimostrano anche le caratteristiche personali che Gli sono attribuite, quali:
1)    Intelligenza (Ro.8:27; 1Co.2:10-11): la Parola di Dio fu scritta per ispirazione divina e deve essere interpretata divinamente. Essa è rivelata per mezzo dello Spirito Santo  (2Pi. 1:21).
2)    Volontà: Egli può muovere ed investire come vuole  (1Co. 2:10-11; 12:11; At.13:2,4).
3)    Emozione: Egli prova sentimenti d’amore  (Ro. 5:5; 15:30), può essere contristato, può gioire, consolare  (Ef.4:30).
4)    Egli ragiona, pensa e agisce: ha una personalità che gli permette di pensare, ragionare e agire (Ro.8:27).
La Bibbia inoltre insegna che Lo Spirito Santo è Dio, la terza persona della Trinità (At.5:3,4; 7:51).
Una volta chiarito che Egli è una Persona, dobbiamo conoscere anche le Sue azioni, i Suoi sentimenti e i Suoi progetti per la Chiesa.
Perché è giusto che come credenti conosciamo le Sue opereP
Egli non è soltanto una “cosa” che ha influenzato la Chiesa del passato, ma è quel Consolatore che Gesù ha promesso ai Suoi discepoli (Gv.14:16,18) e di cui noi abbiamo bisogno ancora oggi per essere guidati, condotti ai grandi tesori di Dio. Ognuno di noi deve conoscere la Sua opera in noi e tra di noi, e ciò che la Bibbia insegna circa l’argomento.
Prima di tutto dobbiamo conoscere quale parte ha lo Spirito Santo nella nostra salvezza.
È Lui che ci convince di peccato, di giustizia e di giudizio (Gv.16:8; 8:7,9; 1Co. 14:24; At.2:37). Lui ci spinge al ravvedimento, al pentimento dalle nostre azioni e alla conversione.
Gesù afferma che la nostra rinascita è compiuta dallo Spirito Santo (Gv.3:5-6 8; Ga.4:29), allo scopo di farci entrare nel regno di Dio. Egli ci rinnova la mente (Tt 3:5), e ci dà la vita. È Lui che attesta al nostro spirito la nostra salvezza (Ro.8:17).
È Lui che stabilisce il nostro rapporto intimo con Dio, lo “Spirito di adozione” per il quale gridiamo: “Abba Padre” (Ro.8:15).
In secondo luogo, lo Spirito Santo ci è stato dato per rivelarci la persona di Gesù Cristo (Lu.2:26; Gv. 16:13-14; Ef. 1:17-18) e le cose profonde di Dio che nessuno conosce  (Gv. 14:26; 1Co.2:9-12; 1Gv.2:20, 27). 

UNA MADRE CHE CHIAMA I SUOI FIGLI ALLA SALVEZZA


Il mondo di oggi vive in mezzo a forti tensioni e cammina sull'orlo di una catastrofe", con queste parole la Madonna a Medjugorje, tramite i veggenti, ha cominciato a mettere in guardia l'umanità dai pericoli che incombono sul suo cammino. È per questo che la regina della pace è venuta in quel piccolo paese della ex-Jugoslavia, apparendo ormai 30 anni fa a 6 ragazzi. A essi ha consegnato anche dei segreti - dieci in tutto - che rivelerebbero proprio il futuro prossimo dell'umanità. Dieci segreti, come dieci furono le piaghe d'Egitto: due ammonimenti, un segno - che i veggenti dicono sarà "bellissimo, indistruttibile e non fatto da mani d'uomo" - e infine sette castighi. Questi segreti saranno svelati, a uno a uno, con tre giorni d'anticipo, in modo che al loro verificarsi anche coloro che sono più increduli capiscano che è ora di decidersi per Dio e di cambiare vita, cogliendo le ultime possibilità di salvarsi. Dieci segreti per segnare altrettante tappe di un tempo di prova al termine del quale l'umanità che avrà scelto Dio, dopo molta sofferenza e gravi attacchi alla fede, potrà finalmente abitare il mondo della pace che la Madonna ha promesso. Per gli scettici che si chiedono quale è il motivo per cui, da più di 30 anni, la Madonna continua ad apparire tutti i giorni: la risposta è  semplice e inquietante, in quanto dobbiamo proprio essere veramente lontani da Dio e cioè lontani dalla vera conversione,  se la Madonna si prodiga in questo modo (infatti, come dice soprattutto negli ultimi messaggi, satana è slegato e il tempo che abbiamo per convertirci è ormai decisamente limitato). Per tale motivo l’umanità ha sempre più bisogno di Lei.


 LA MADRE AVVERTE I FIGLI IN PERICOLO!!!!!


La Vergine ha svelato ai veggenti molti aspetti dell'avvenire, Prima del segno visibile che sarà dato all'umanità, ci saranno tre avvertimenti al mondo. Gli avvertimenti saranno avvenimenti che succederanno sulla terra. Mirjana ne sarà testimone. Tre giorni prima di uno degli avvertimenti essa informerà un sacerdote di sua scelta. La testimonianza di Mirjana sarà una conferma delle apparizioni e un incitamento alla conversione del mondo. Dopo gli avvertimenti, verrà il segno visibile sul luogo delle apparizioni a Medjugorje, per tutta l'umanità. Il segno sarà dato come testimonianza delle apparizioni e invito alla fede.
”Angelo mio, prega per i non credenti. La gente si strapperà i capelli, il fratello supplicherà il fratello, maledirà la sua vita passata, vissuta senza Dio. Si pentiranno, ma sarà troppo tardi. Ora è il tempo della conversione…..Poi ha parlato dei non credenti:
- Sono miei figli. Soffro per loro. Non sanno cosa li aspetta. Dovete pregare di più per loro……
Poi mi ha fatto vedere, come in un film, la realizzazione del primo segreto. La terra era desolata. «lo sconvolgimento di una regione del mondo», ha precisato. Io ho pianto.
- Perché così presto? ho chiesto.
- Nel mondo ci sono troppi peccati. Che fare se non mi aiuti? Ricordatevi che io vi amo.
- Come può Dio avere il cuore così duro?
- Dio non ha il cuore duro. Guardati attorno e vedi cosa fanno gli uomini, e allora non dirai più che Dio ha il cuore duro.- Quanti sono quelli che vengono in chiesa come nella casa di Dio, con rispetto, con una fede solida e l'amor di Dio? Molto pochi. Questo è un tempo di grazia e di conversione. Bisogna sfruttarlo bene.

MARIA: UN PONTE VERSO IL CIELO

 

Nel vangelo si dice che il Signore si fa presente dove due o tre sono riuniti nel suo nome: non importa il luogo esteriore, ma la disposizione del cuore. Alcuni dicono che la Madonna di Medjugorje se ne va in giro e che è una chiacchierina. Io penso, invece, che il presente dell’eternità affianca il presente del nostro tempo ovunque ci troviamo, anche sul ciglio di una tangenziale. Dio è lì che ci aspetta, ogni momento è buono per aprirgli le braccia. La Vergine a Medjugorje ha spiegato che lei si trova dove è Gesù, ma che poi sempre li raggiunge satana. È dall’inizio della creazione che funziona così: Dio fece una cosa bella e pulita ma subito qualcuno provò a sporcarla. Vicka mi disse che il demonio disturba sempre le opere di Dio, ma Mirijana ha aggiunto che l’uomo ha gli strumenti per distinguere il bene dal male e che è libero di scegliere.Nel messaggio di Medjugorje del 25 novembre 1987 la Vergine spiega proprio questo: «Dio ha dato a tutti la libertà, che io rispetto con tutto l’amore; e io mi sottometto, nella mia umiltà, alla vostra libertà». In effetti, in tutti i messaggi, la Madonna esprime un desiderio di bene per noi, mai una costrizione. Dice: vi invito, vi chiamo, vivete!, apritevi!, amate!; addirittura: vi prego, vi supplico. Arriva a tanto, come lei stessa dice, per «mostrarvi quanto mi siete cari e quanto desidero che siate tutti salvi» (27 novembre 1986), ma non ci obbliga. Se così facesse saremmo schiavi, invece lei ci assicura che siamo figli di Dio.

 

IL PARADOSSO DELLA NOSTRA EPOCA 
 
Parliamo troppo, amiamo troppo poco, e odiamo troppo spesso.
Abbiamo imparato a condurre un'esistenza, non una vita.

Abbiamo conquistato lo spazio esterno, ma non quello interiore.
Abbiamo fatto cose più eclatanti, ma non cose migliori.
Abbiamo conquistato l'atomo, ma non il nostro pregiudizio.
Scriviamo di più, ma impariamo di meno.
Progettiamo di più, ma completiamo di meno.
Abbiamo imparato ad affrettarci, ma non ad aspettare.
Costruiamo più c omputer per contenere più informazioni e produrre più copie che mai, ma comunichiamo sempre meno.
Ricordati di dare un caloroso abbraccio a chi ti sta accanto, perché è l'unico tesoro che puoi dare con il tuo cuore e non costa un centesimo.
Dai tempo all'Amore, dai tempo al parlare, dai tempo al condividere i preziosi pensieri che nutri nella tua mente. 

Mt. 24,27: Come la folgore viene da oriente e brilla fino a occidente, così sarà la venuta del Figlio dell'uomo. 28 Dovunque sarà il cadavere, ivi si raduneranno gli avvoltoi. 29 Subito dopo la tribolazione di quei giorni, 'il sole si oscurerà, la luna non darà più la sua luce, gli astri cadranno' dal cielo 'e le potenze dei cieli' saranno sconvolte. 30 Allora comparirà nel cielo il segno del Figlio dell'uomo e 'allora si batteranno il petto tutte le tribù della terra', e vedranno 'il Figlio dell'uomo venire sopra le nubi del cielo' con grande potenza e gloria. 31 Egli manderà i suoi angeli con una grande tromba e raduneranno tutti i suoi eletti dai quattro venti, da un estremo all'altro dei cieli.

Matteo 6:10 Venga il tuo regno. Sia fatta la tua volontà in terra come in cielo.
Matteo 6:10 Venga il tuo regno. Sia fatta la tua volontà in terra come in cielo.

Chissà quante volte, nel recitare la preghiera del Padre Nostro con l’intenzione di invocare l’aiuto divino, abbiamo ripetuto la frase: “Venga il Tuo Regno” senza capire dove e per chi deve venire il Regno di Dio, visto che Egli è il Creatore dell’universo, tutto Gli appartiene e di fatto ne è il Re!
È vero che Dio è il Re di tutto il creato e che ogni cosa è sotto il Suo controllo, ma è pur vero che rispetto alla parte di umanità che Lo riconosce come tale, sono molto più numerosi quelli che non accettano la signoria di Cristo, rifiutano la Sua sovranità e la Sua autorità, sono ribelli e di fatto si trovano sotto il dominio del principe di questo mondo! 
 
Il Regno di Dio è già venuto sulla terra nella dimensione spirituale, ma quando preghiamo: “Venga il Tuo Regno”, stiamo pregando affinché esso si realizzi in tre dimensioni.
 
1. Nella dimensione personale, affinché divenga sempre più una realtà in ciascuno di noi.
Il Regno di Dio inizia nel nostro cuore nel momento in cui accettiamo Gesù come Signore e Re della nostra vita, allorché nasciamo di nuovo e decidiamo di sottometterci volontariamente a Lui, ma diventa sempre più reale in noi man mano che abbracciamo i valori, i principi e la cultura del Regno, ci lasciamo guidare dal Re in ogni scelta di vita, soprattutto in quelle morali, viviamo con gioia la sottomissione e l’obbedienza al Re, Gli permettiamo di regnare nella nostra vita e sulle circostanze, desideriamo imparare a relazionare con Lui, ci lasciamo da Lui guidare nelle relazioni interpersonali e vogliamo vivere nella giustizia, nella pace e nella gioia dello Spirito Santo.
      
Quando diciamo “Venga il Tuo Regno”, esprimiamo innanzitutto la volontà di ricevere con fede e gioia il governo di Cristo, ma in che modo possiamo sapere se Dio regna nella nostra vita? Semplicemente constatando se in essa c’è la giustizia, la pace e la gioia dello Spirito Santo.  
 
2. Nella dimensione della sua espansione sulla terra, cosa che avviene man mano che le persone, per mezzo della proclamazione del Vangelo e della nostra testimonianza, accettano Cristo, nascono di nuovo ed entrano nel Regno. 
Giovanni 3:3 Gesù gli rispose e disse: «In verità, in verità ti dico che se uno non è nato di nuovo, non può vedere il regno di Dio».
 Gesù dice che solo a chi crede in Lui è dato di ricevere la rivelazione del mistero del Regno, mentre a quelli che non credono parla in parabole, affinché ascoltino ma non comprendano.
Marco 4:11 Ed egli disse loro: «A voi è dato di conoscere il mistero del regno di Dio; ma a coloro che sono di fuori tutte queste cose si propongono in parabole
Così facendo Egli mette in luce l’attitudine del cuore, infatti chi è orgoglioso come erano i farisei, non ammette di non avere capito e rimane nell’ignoranza, mentre chi è umile e povero in spirito, come erano i Suoi discepoli, chiede ulteriori spiegazioni.
 
Nel capitolo 13 del Vangelo di Matteo si trovano numerose parabole, nelle quali Gesù afferma che l’espansione del Regno avviene mediante la proclamazione del Vangelo.
In alcune di esse si parla di moltiplicazione, come in quella del seminatore, in cui Gesù dice che il seme porta frutto: qual trenta, qual sessanta e qual cento, a seconda del terreno in cui cade, o in quella della zizzania, che il maligno semina in mezzo al grano quando chi dovrebbe vegliare dorme e che i discepoli vorrebbero estirpare. Gesù impedisce loro di farlo, per evitare che con essa estirpino anche il grano, e dice che la separazione della zizzania dal grano deve avvenire solo nel tempo della mietitura.  
Nella parabola del granellino  di senape, Gesù paragona il Regno di Dio a un seme quasi invisibile da cui viene fuori una grande pianta, lasciando intendere che quando annunciamo il messaggio del Vangelo esso sembra piccolissimo, ma per la sua potenza di espansione può diventare molto grande.
In definitiva, secondo la legge della semina e della raccolta, affinché il Regno di Dio si espanda, dobbiamo seminare la Parola e predicare. 
Anche la parabola del lievito, di cui basta una piccola dose per fare lievitare tutta la pasta, parla di espansione.
 
Quando diciamo: “Venga il Tuo Regno”, esprimiamo anche il desiderio che un numero sempre più grande di persone accetti Cristo ed entri nel Suo Regno, ma perché tale desiderio si realizzi dobbiamo intercedere e digiunare per le persone care, per gli amici, per i vicini di casa, per i conoscenti, per i perduti in generale, per i missionari che talvolta rischiano la vita per annunciare il Vangelo, per gli eventi evangelistici, per le chiese locali...
Questo è il compito delle chiese cristiane di ogni denominazione, che devono avere un unico fine: che le persone ricevano la giustizia, la pace e la gioia dello Spirito Santo e che in tal modo il Regno di Dio si espanda.
 
3. Nella sua dimensione finale, visibile e definitiva, nella cosiddetta consumazione del Regno, allorché tutte le promesse si adempiranno e Gesù regnerà su tutte le nazioni della terra.
Quando preghiamo: “Venga il Tuo Regno” stiamo pregando anche:
per il ritorno di Gesù sulla terra e per l’instaurazione visibile del Suo Regno,
per la sconfitta finale di satana, dei suoi demoni, del peccato e del male,
per lo sradicamento del dolore e della sofferenza,
per il riconoscimento mondiale di Gesù come Dio.
Gesù regnerà sulla terra con la Sua Chiesa per mille anni, dopo di che ci sarà la battaglia di Armaghedon a cui seguiranno nuovi cieli e nuova terra, la giustizia regnerà, satana e il suo regno saranno definitivamente debellati.
 
Pregare: “Venga il Tuo Regno” implica un impegno e una missione sia per i singoli credenti che per le chiese locali, le quali subiscono continui attacchi fomentati dal nemico, a cui molti si prestano, ignorando che chi perseguita la Chiesa, di fatto perseguita Cristo!
Nel perseguitare la Chiesa primitiva, l’apostolo Paolo era convinto di servire Dio, ma quando Gesù gli si manifestò, non gli disse: … perché perseguiti la mia chiesa, ma: perché mi perseguiti?
Ricordiamoci di pregare sempre per la chiesa a cui apparteniamo, perché dalla sua benedizione, dalla sua prosperità e ricchezza spirituale dipende anche la nostra.
 
Desideriamo davvero che Dio regni su di noi, nella nostra famiglia, nella nostra cellula, nelle nostra attività?
Preghiamo e digiuniamo per la conversione dei nostri familiari e dei parenti non convertiti?
Aspettiamo devotamente il Suo ritorno?
2Pietro 3:12 mentre aspettate e affrettate la venuta del giorno di Dio, a motivo del quale i cieli infuocati si dissolveranno e gli elementi consumati dal calore si fonderanno?
 
Nel Vangelo di Luca è riportata la straordinaria profezia di un Regno eterno, pronunciata dall’angelo quando annunciò a Maria la nascita di Gesù.
Luca 1:33 … e regnerà sulla casa di Giacobbe in eterno, e il suo regno non avrà mai fine».
 
Nel libro dell’Apocalisse è scritto che verrà il giorno in cui sulla terra sarà definitivamente stabilito il Regno di Dio e che la Sua potenza si manifesterà, mentre il regno del nemico sarà definitivamente debellato.
 Apocalisse 12:10 Allora udii una grande voce nel cielo che diceva: «Ora è giunta la salvezza, la potenza e il regno del nostro Dio e la potestà del suo Cristo, poiché è stato gettato giù l'accusatore dei nostri fratelli colui che li accusava davanti al nostro Dio giorno e notte. 11 Ma essi l'hanno vinto per mezzo del sangue dell'Agnello e per mezzo della parola della loro testimonianza; e non hanno amato la loro vita, tanto da esporla alla morte.
 
 Nell’epistola ai Corinzi si parla del piano finale di Dio, che prevede l’annientamento totale di tutto ciò che proviene dal maligno. 
 1Corinzi 15:24 Poi verrà la fine, quando rimetterà il regno nelle mani di Dio Padre, dopo aver annientato ogni dominio, ogni potestà e potenza.
 
Infine nel libro dell’Apocalisse è profetizzato che quando Cristo tornerà sulla terra  tutti i regni del mondo si sottometteranno a Lui.
 Apocalisse 11:15 Poi il settimo angelo suonò la tromba e si fecero grandi voci nel cielo che dicevano: «I regni del mondo sono divenuti il regno del Signor nostro e del suo Cristo, ed egli regnerà nei secoli dei secoli».
 
Ma noi, che facciamo nell’attesa di quel giorno?
Impegniamoci con gioia e passione per le cose del Regno e non esitiamo ad abbandonare le passioni per le effimere cose di questo mondo…
1Tessalonicesi 2:12 a camminare in modo degno di Dio, che vi chiama al suo regno e gloria.
… interroghiamoci sulle cose meravigliose che ci attendono…
Tito 2:13 aspettando la beata speranza e l'apparizione della gloria del grande Dio e Salvatore nostro, Gesù Cristo,
…cerchiamo di sapere di più sullo Sposo, come fece Rebecca (figura della Chiesa), che durante il viaggio che compì per raggiungere il promesso sposo Isacco (figura di Gesù), chiedeva ad Eliezer (figura dello Spirito Santo) notizie su di lui (Genesi cap. 42).
Oggi la Chiesa viaggia in fede verso lo Sposo e Lo vede in spirito, ma verrà il giorno in cui Lo vedrà fisicamente.
 
Se siamo figli di Dio e abbiamo questa speranza, dobbiamo mantenerci puri e santi… 
 1Giovanni 3:2 Carissimi, ora siamo figli di Dio, ma non è ancora stato manifestato ciò che saremo; sappiamo però che quando egli sarà manifestato, saremo simili a lui, perché lo vedremo come egli è. 3 E chiunque ha questa speranza in lui, purifichi se stesso, come egli è puro.
… e non dimenticare che siamo i Suoi rappresentanti e che attraverso di noi gli altri vogliono vedere Lui, il Suo amore, la Sua grazia, la Sua gentilezza, la Sua bontà, la Sua persona!

contatore di visite
SOTTO LA TUA PROTEZIONE
SOTTO LA TUA PROTEZIONE

 

Sotto la tua protezione

cerchiamo rifugio,

Santa Madre di Dio

non disprezzare le suppliche

di noi che siamo nella prova

e liberaci da ogni pericolo

o Vergine, gloriosa e

benedetta.

La preghiera della Signora di tutti i Popoli costituisce, assieme all'immagine, il punto focale dei messaggi di Amsterdam. La Signora di tutti i Popoli ci invita a recitare questa breve ma potente preghiera almeno una volta al giorno.

 SIGNORE GESÙ CRISTO,FIGLIO DEL PADRE,MANDA ORA IL TUO SPIRITO SULLA TERRA.FA ABITARE LO SPIRITO SANTO NEI CUORI DI TUTTI I POPOLI,AFFINCHÉ SIANO PRESERVATI DALLA CORRUZIONE, DALLE CALAMITÀ E DALLA GUERRA.CHE LA SIGNORA DI TUTTI I POPOLI,CHE UNA VOLTA ERA MARIA,SIA LA NOSTRA AVVOCATA.AMEN.

La preghiera della Signora di tutti i Popoli costituisce, assieme all'immagine, il punto focale dei messaggi di Amsterdam. La Signora di tutti i Popoli ci invita a recitare questa breve ma potente preghiera almeno una volta al giorno.

 SIGNORE GESÙ CRISTO,FIGLIO DEL PADRE,MANDA ORA IL TUO SPIRITO SULLA TERRA.FA ABITARE LO SPIRITO SANTO NEI CUORI DI TUTTI I POPOLI,AFFINCHÉ SIANO PRESERVATI DALLA CORRUZIONE, DALLE CALAMITÀ E DALLA GUERRA.CHE LA SIGNORA DI TUTTI I POPOLI,CHE UNA VOLTA ERA MARIA,SIA LA NOSTRA AVVOCATA.AMEN.

Nostra Signora Regina della Pace di Anguera
Nostra Signora Regina della Pace di Anguera

 

PRENOTA IL TUO PELLEGRINAGGIO PARTENZE DA CAGLIARI

Volo diretto

Cagliari  - Mostar

VAI ALLA PAGINA PELLEGRINAGGI SCOPRI TUTTI I DETTAGLI 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

          CARI FIGLI MIE

  Se sapeste quanto vi amo, piangereste di gioia! Figlioli cari, se qualcuno viene da voi e vi chiede qualcosa, voi gliela date. Ecco: anch'io sto davanti ai vostri cuori e busso, ma molti non si aprono. Io vorrei tutti voi per me, ma molti non mi accettano. Pregate perche' il mondo accolga il mio amore

«Io sono la via, la verità e la vita». «Chi rimane in me e io in lui, fa molto frutto, perché senza di me non potete far nulla». (Gv 14, 6. 15,5)

 

           SIGNORE GESU' SONO QUI DAVANTI A TE

 

Signore Gesù, sono davanti a te con tutte le mie miserie. So che non mi respingerai perché tu mi ami così come sono. Mi dolgo e mi pento con tutto il cuore dei miei peccati: ti prego perdonami! Nel tuo Nome perdono tutte le persone per quanto hanno fatto contro di me. Rinuncio a Satana, a tutti gli spiriti maligni ed alle loro opere e seduzioni. Ti dono tutto il mio essere, o Signore Gesù, ora e sempre. Ti invito nella mia vita, o Gesù; ti accetto come Signore, Dio e Salvatore. Guariscimi, trasformami, rafforza il mio corpo, la mia anima ed il mio spirito. Vieni Signore Gesù, immergimi nel tuo Preziosissimo Sangue e riempimi del tuo Santo Spirito. Ti Amo, Signore Gesù. Ti lodo, Gesù. Ti ringrazio. Ti seguirò per tutti i giorni della mia vita. Aiutami a non voltarmi mai indietro. A non desiderare nient'altro che te. Fammi sentire il tepore del tuo amore e la potenza del tuo Santo Corpo. Rendimi cosciente della grandezza del tuo donarti a me, misera creatura. Illumina la mia mente e il mio cuore. Irrompi con la tua luce l'intensità delle tenebre che offuscano la mia vita. Rendimi la gioia di essere salvato affinché possa vivere con te per sempre in paradiso.
Maria, mia dolce Madre, Regina della Pace, Angeli e Santi, aiutatemi, ve ne prego.

Amen, Alleluia, Amen.
 

 

 

                                   Diretta audio e video da Medjugorje

 http://www.centromedjugorje.it/sito/ 

Diffondi anche tu il Santo Rosario della Madonna

La Vergine Maria ci mette tra le mani 5 sassolini per abbattere satana.

    

1. Il Rosario

2. L'Eucarestia

3. La Bibbia

4. Il Digiuno

5. La Confessione mensile

Un Pensiero...

 

 

Quanto amo la tua legge, Signore; tutto il giorno la vado meditando.

Il tuo precetto mi fa più saggio dei miei nemici, perchè sempre mi accompagna.

Sono più saggio di tutti i miei maestri, perchè medito i tuoi insegnamenti.

Ho più senno degli anziani, perchè osservo i tuoi precetti.

Tengo lontano i miei passi da ogni via di male, per custodire la tua parola.

Non mi allontano dai tuoi giudizi, perchè sei tu ad istruirmi.

Quando sono dolci al mio palato le tue parole: più del miele per la mia bocca.

Dai tuoi decreti ricevo intelligenza, per questo odio ogni via di menzogna.

 

 

Sal 119, 97-104

Preghiamo per i Sacerdoti:

 

O Gesù, sommo ed eterno sacerdote,

custodisci il tuo sacerdote dentro il Tuo Sacro Cuore.

Conserva immacolate le sue mani unte

che toccano ogni giorno il Tuo Sacro Corpo.

Custodisci pure le sue labbra

arrossate dal Tuo Prezioso Sangue.

Mantieni puro e celeste il suo cuore

  segnato dal Tuo sublime carattere sacerdotale.

Fa' che cresca nella fedeltà e nell'amore per Te

e preservalo dal contagio del mondo.

Col potere di trasformare il pane e il vino

donagli anche quello di trasformare i cuori.

Benedici e rendi fruttuose le sue fatiche

e dagli un giorno la corona della vita eterna.

 

(Santa Teresa di Gesù Bambino)